Ricerca avanzata
Stampa

BANDO DI ATTUAZIONE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI UNA TANTUM A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E DEI SERVIZI

BANDO DI ATTUAZIONE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI UNA TANTUM A FAVORE DELLE IMPRESE DEL SETTORE INDUSTRIALE, ARTIGIANALE E DEI SERVIZI

 

RIFERIMENTI NORMATIVI

L.R. 16 giugno 2022, n. 13, art 1, c. 1. lett. a) Misure urgenti per il sostegno delle attività produttive a seguito dell’emergenza economica; DGR n. 941 del 25 luglio 2022

 

SINTESI DELL’AGEVOLAZIONE

L’intervento è finalizzato alla concessione di un contributo una tantum a fondo perduto riconosciuto dalla Regione Marche alle imprese che hanno subìto un grave turbamento dalla guerra in territorio ucraino e dalle conseguenze economiche da essa derivanti. Le misure sono a favore:

a.         delle MPMI marchigiane esportatrici abituali verso Ucraina, Russia e Bielorussia;

b.         delle MPMI marchigiane fornitrici delle imprese esportatrici abituali di cui al punto a).

 La disponibilità finanziaria è pari a € 3.615.162,86 di cui:

€ 2.800.000,00 per i contributi di cui alla misura a)

€ 815.162,86 per i contributi di cui alla misura b)

 

REQUISITI

I requisiti necessari per la richiesta del contributo sono i seguenti:

 

a.         essere una MPMI regolarmente costituita e iscritta nel registro delle Imprese della CCIAA ed essere attiva alla data di presentazione della domanda;

b.         avere almeno una sede operativa o unità locale attiva nel territorio marchigiano;

c.         essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti, non essendo sottoposta a procedure di regolazione dell’insolvenza;

d.         essere in regola rispetto alle disposizioni in materia fiscale, di contributi previdenziali ed assistenziali secondo la vigente normativa;

e.         applicare ai lavoratori dipendenti condizioni economiche e normative non inferiori a quelle previste dai CCNL e dai contratti decentrati sottoscritti dalle Organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale nonché ogni altra disposizione di legge in materia assistenziale e previdenziale;

f.          essere in regola con la normativa antimafia;

g.         essere in regola con le norme obbligatorie in materia di tutela della salute e della sicurezza sul lavoro;

h.         essere in regola con le norme obbligatorie vigenti in materia di edilizia, urbanistica e di tutela e salvaguardia dell'ambiente;

i.          essere in regola con la normativa in materia di aiuti di Stato;

j.          non essere in stato di liquidazione volontaria;

k.         non essere destinatarie di provvedimenti giudiziari che applicano le sanzioni interdittive di cui al decreto legislativo 8 giugno 2001, n.231, e s.m.i. o altra sanzione che comporta il divieto di contrarre con la pubblica amministrazione, compresi i provvedimenti interdittivi di cui all’articolo 14 del D.lgs 9 aprile 2008 n. 81;

l.          i soggetti muniti di poteri di amministrazione, o i direttori tecnici non sono destinatari di sentenze di condanna passate in giudicato o di decreti penali di condanna divenuti irrevocabili o di sentenze di applicazione della pena su richiesta, ai sensi dell’art. 444 del codice di procedura penale, per i reati indicati all’articolo 80 comma 1 del D.lgs 50/2016 e s.m.i.;

 m.        non sussistono con riferimento ai soggetti indicati nell’articolo 85 del D.lgs. 6 settembre 2011 n. 159, cause di decadenza, di sospensione, o divieto previste dall’articolo 67, o tentativi di infiltrazione mafiosa ai sensi dell’articolo 84 comma 4 del medesimo decreto.

 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

La domanda di contributo dovrà essere presentata dal titolare o legale rappresentante dell’impresa, o da un suo delegato, dalle ore 09:00 del 01/08/2022 e fino alle ore 09:00 del 26/09/2022, attraverso la piattaforma web appositamente predisposta, accedendo ai seguenti link:

a) Imprese esportatrici: https://procedimenti.regione.marche.it/Pratiche/Avvia/13793

b) Imprese fornitrici: https://procedimenti.regione.marche.it/Pratiche/Avvia/13795

Fanno fede la data e l’ora della piattaforma informatica regionale. La domanda deve essere corredata dall’imposta di bollo in forma di dichiarazione sostitutiva. Ogni impresa può presentare domanda per una sola misura. Per presentare la domanda il legale rappresentante deve disporre di: SPID, CIE o CNS.

Il richiedente deve autodichiarare:

  1. di essere consapevole che ai sensi del Regolamento UE 1047/2013, il regime “de minimis” comporta un massimale di aiuti concessi per ogni impresa pari € 200.000,00 nell’arco di tre esercizi finanziari e che pertanto ogni somma eccedente sarà soggetta a recupero, comprensiva degli interessi legali;
  2. nel caso in cui l’istanza di contributo sia presentata da un soggetto delegato, costui dichiara di aver ricevuto la stessa dal legale rappresentante dell’impresa destinataria del contributo e di conservare per 5 anni, per i successivi controlli, la delega alla presentazione dell’istanza e le dichiarazioni sostitutive aventi il medesimo contenuto di quelle rese nell’istanza; dichiara inoltre di essere stato autorizzato ad accedere, per conto del richiedente, all’Anagrafe Tributaria e ad ogni altra banca dati contenente informazioni e dati del richiedente necessari e utili ai fini di cui alla presente istanza;
  3. di autorizzare la Regione Marche ad accedere all’Anagrafe Tributaria, a banche dati e web services in uso presso Camera di commercio ed altri enti, al fine della verifica e controllo della esattezza, correttezza e veridicità dei dati forniti per l’erogazione del contributo;
  4. che l’IBAN indicato nell’istanza è intestato al destinatario del contributo;
  5. che l’impresa destinataria dal contributo è in possesso dei requisiti previsti dal bando.

 

I contributi verranno assegnati secondo la seguente ripartizione:

Tipologia di intervento

Contributo una tantum fino ad un massimo di

 

Misura a)

Contributo straordinario una tantum a fondo perduto a favore delle imprese esportatrici abituali:

  • Imprese per le quali le esportazioni in Ucraina, Russia e Bielorussia rappresentano una percentuale compresa tra il 10 e il 25% della media del fatturato del triennio 2019-2021
  • Imprese per le quali le esportazioni in Ucraina, Russia e Bielorussia rappresentano una percentuale compresa tra il 25 e il 40% della media del fatturato del triennio 2019-2021
  • Imprese per le quali le esportazioni in Ucraina, Russia e Bielorussia rappresentano una percentuale compresa tra il 40 e il 60% della media del fatturato del triennio 2019-2021
  • Imprese per le quali le esportazioni in Ucraina, Russia e Bielorussia rappresentano una percentuale maggiore del 60% della media del fatturato del triennio 2019-2021

 

 

 

 

€ 10.000,00

 

 

 

€ 20.000,00

 

 

 

€ 30.000,00

 

 

€ 50.000,00

Misura b)

Contributo straordinario una tantum a fondo perduto a favore delle imprese fornitrici delle imprese esportatrici abituali:

  • Imprese il cui fatturato verso imprese beneficiarie del contributo al punto a) è inferiore a € 500.000 calcolato tramite la media del fatturato del triennio 2019-2021
  • Imprese il cui fatturato verso imprese beneficiarie del contributo al punto a) è pari o superiore a € 500.000 calcolato tramite la media del fatturato del triennio 2019-2021

 

 

 

 

€ 10.000,00

 

 

 

€ 20.000,00

In sede di domanda le imprese dovranno dichiarare l’ammontare complessivo del fatturato e la percentuale delle esportazioni verso la Federazione Russa, l’Ucraina e la Bielorussia mediante apposita asseverazione da parte di un tecnico abilitato.

In ogni caso la regione si riserva la possibilità:

di rimodulare il contributo, rapportandolo al fondo disponibile ed alle domande ricevute riducendo in uguale percentuale.

di cumulare l’aiuto di cui al presente bando con altre forme di aiuto pubblico, diretto ed indiretto, assegnate dalla Regione Marche e da enti diversi dalla Regione Marche, fino a concorrenza della soglia prevista.

Il contributo non può comunque essere superiore al 75% del fatturato verso i tre Paesi.

INTENSITA’ DELL’AIUTO

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo una tantum con un limite massimo di € 50.000,00 di contributo concedibile. Si applica il Reg. (UE) n. 1407/2013 - “de minimis”. Qualora applicabile, le agevolazioni potranno essere concesse anche ai sensi della sezione 2.1 del “Quadro temporaneo di crisi per misure di aiuti di Stato a sostegno dell'economia a seguito dell'aggressione contro l'Ucraina da parte della Russia” (C (2022) 1890 del 23/3/2022) di cui al seguente link:

https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52022XC0324(10)&from=EN

 MODALITA’ DI EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO

L’ufficio regionale competente predisporrà il relativo decreto di concessione con allegato l’elenco dei beneficiari dei contributi. L’Amministrazione regionale provvederà alla liquidazione del contributo di norma e compatibilmente all’espletamento delle attività legate agli adempimenti contabili, entro il novantesimo giorno successivo dal termine per la presentazione delle domande.

 

OBBLIGHI DEL BENEFICIARIO

Il beneficiario è tenuto a rispettare le condizioni di seguito elencate, a far data dal pagamento finale del contributo:

-           non delocalizzare l’attività economica, o una sua parte, dal sito incentivato in favore di unità produttiva situata al di fuori della Regione Marche, per almeno 5 anni;

-           non cessare o modificare l'attività svolta, oggetto della domanda di contributo, per almeno 5 anni.

Per Informazioni: Leonardo Spernanzoni – 0733.279628 – area.finanziaria@confindustriamacerata.it

 

Il Direttore    

Gianni Niccolò

 

App Confindustria

app.png
La nuova app di Confindustria Macerata semplice e gratuita.
apple.png
play.png

Ultime News