Ricerca avanzata
Stampa

Moratoria prevista del Decreto Sostegni bis e classificazione in “Forborne” dei finanziamenti sospesi

Il Decreto Sostegni bis, in linea con quanto richiesto da Confindustria, ha prorogato al 31 dicembre 2021 le sospensioni dei pagamenti delle quote capitale dei prestiti. Diversamente da quanto previsto in occasione delle precedenti proroghe, servirà una comunicazione dell’impresa da presentare alla banca entro il prossimo 15 giugno con le medesime modalità previste da decreto Cura Italia.   

Evidenziamo che alle posizioni oggetto di moratoria prevista dal Decreto Sostegni Bis non è più applicabile la maggiore flessibilità che l’Autorità Bancaria Europea ha concesso alle banche nel  trattamento delle esposizioni oggetto di moratorie.

In base alle nuove Linee Guida dell’EBA aggiornate il 2 dicembre scorso [1], tra le condizioni per usufruire di specifiche flessibilità nel trattamento delle esposizioni oggetto di moratoria, è previsto che le stesse devono essere state deliberate entro il 31 marzo 2021 e avere una durata non superiore a 9 mesi, compresi eventuali periodi di sospensione già concessi in ragione del determinarsi dell’emergenza sanitaria Covid-19.

Nel caso in cui un’impresa abbia beneficiato della moratoria sin dal primo momento, ad esempio aprile 2020, abbia prorogato la scadenza al 31 gennaio 2021 grazie al DL Agosto (CASO 2),  e  allungato la scadenza al 30 giugno 2021 usufruendo della Legge di Stabilità, la flessibilità EBA è venuta meno e la Banca è chiamata a valutare se classificare le esposizioni sospese come “oggetto di concessione”, più precisamente in “Forborne”

Una esposizione va classificata come “forborne” se la misura di tolleranza di cui beneficia è accordata ad un “debitore che si trova o è in procinto di trovarsi in difficoltà a rispettare i propri impegni finanziari [2].

Dunque,  le banche dovranno valutare le singole posizioni e, qualora ne ricorrano i presupposti, classificarle in “forborne”, “performing” o “non performing”; il presupposto per la classificazione di una posizione “in forborne” è una situazione di “difficoltà finanziaria”.

L’attributo “forborne” identifica una situazione di difficoltà non segnalata in Centrale Rischi che tuttavia impone alla Banca un gravoso – anche in termini di accantonamenti -   monitoraggio per un minimo di 24 mesi su base trimestrale (cd. Periodo di Prova). Durante tale periodo è ragionevole attendersi conseguenze sulla capacità dell’impresa di ottenere credito dalla Banca e sul relativo costo. Trascorsi i due anni, la classificazione in “Forborne” cessa se “sono stati fatti pagamenti regolari” e “nessuna delle esposizioni verso il debitore è scaduta da più di 30 giorni alla fine del periodo di prova” [3].

Per questo è importante che le imprese valutino con attenzione l’opportunità e le minacce di avvalersi di ulteriori sospensioni di pagamenti di finanziamenti in essere, per evitare un peggioramento della relazione con la Banca qualora giudichi l’impresa in “difficoltà finanziaria.” A tal fine, riteniamo opportuno che ciascuna impresa contatti i propri gestori per un confronto.

Si ricorda, infine, che in ogni caso le flessibilità concesse dall’EBA non hanno mai esonerato la banca dall’effettuare una valutazione caso per caso della capacità dell’impresa di adempiere alle proprie obbligazioni e di riprendere il regolare pagamento delle scadenze alla ripresa del piano di rimborso.

Il Direttore

Dott. Gianni Niccolò

Per informazioni rivolgersi a al dott. Lorenzo Giampaoli (0733 279692 – 346 9520914 giampaoli@confindustriamacerata.it)

Principali riferimenti:

[1] ABE, Orientamenti sulla gestione di esposizioni deteriorate e oggetto di concessioni – ABE/GL/2018/06, 31 ottobre 2018 <https://eba.europa.eu/regulation-and-policy/credit-risk/guidelines-on-management-of-non-performing-and-forborne-exposures>

[2, 3] Regolamento di esecuzione (UE) 2015/227 della Commissione del 9 gennaio 2015 <https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/ALL/?uri=CELEX%3A32015R0227>

App Confindustria

app.png
La nuova app di Confindustria Macerata semplice e gratuita.
apple.png
play.png

Ultime News