Ricerca avanzata
Stampa

Decreto “Sostegni bis”: cosa cambia per moratoria prestiti e Fondo garanzia

ll decreto-legge n. 73 del 25 maggio 2021, in vigore dal 26 maggio, proroga la moratoria sui finanziamenti e l'intervento straordinario del Fondo di garanzia PMI fino al 31 dicembre 2021, ma con diverse novità.

Moratoria di Legge per le PMI (art. 16). La proroga riguarda tutte le forme tecniche già previste dal DL Cura Italia, tuttavia

  • si applica alla sola quota capitale dei finanziamenti e non agli interessi. La distinzione, ove possibile, è finalizzata ad evitare riclassificazioni delle esposizioni in default;
  • in secondo luogo, la proroga non è più automatica; diversamente da quanto previsto per le precedenti proroghe, anche per le imprese già ammesse a moratoria è necessaria una comunicazione (non passibile di rifiuto) alla banca entro il prossimo 15 giugno da presentare con le medesime modalità previste dal DL Cura Italia per la prima sospensione.

Fondo di garanzia PMI (articoli 12, 13 e 15). Il Decreto proroga fino al 31 dicembre 2021 il regime speciale di intervento del Fondo previsto dall’articolo 13 del DL Liquidità introducendo le seguenti innovazioni

  • dal 1° luglio 2021, previa autorizzazione della Commissione europea, viene innalzato a 120 mesi il limite di durata dei nuovi finanziamenti che possono essere garantiti dal Fondo. Per le operazioni in essere già garantite, entro lo stesso limite è possibile prolungarne qualora accordata dalla Banca.
  • dal 1° luglio 2021, per i nuovi finanziamenti di importo superiore a € 30.000 la percentuale di copertura della garanzia del Fondo viene ridotta dal 90% all’80% (riduzione che non è prevista per le imprese con dipendenti compresi tra 500 e 5.000 garantite da SACE). Per l’allungamento della durata dei finanziamenti già garantiti in essere non si prevede alcuna riduzione delle coperture.
  • viene eliminata la possibilità, per le midcap con numero di dipendenti inferiori a 250, di accedere alla garanzia gratuita del Fondo di garanzia per le PMI. Tali imprese potranno accedere solo alla garanzia di SACE prorogata al 31 dicembre 2021. La disposizione riguarda anche le operazioni che alla data di entrata in vigore erano state presentate al Fondo, ma non ancora deliberate.

Il Direttore

Dott. Gianni Niccolò

Per informazioni rivolgersi al dott. Lorenzo Giampaoli, interno 0733 279692, mobile 346 9520914, giampaoli@confindustriamacerata.it

App Confindustria

app.png
La nuova app di Confindustria Macerata semplice e gratuita.
apple.png
play.png

Ultime News